mercoledì 23 gennaio 2013

ENZO TROIANO vs DRAGONERO

Da un pezzo non mi occupo più di fumetti altrui o di recensioni... ma questa è troppo ghiotta! Enzo Troiano è un signor professionista, con 25 anni di esperienza sul groppone, pubblicazioni da edicola in Italia e Stati Uniti, libri illustrati in Italia e Inghilterra, cartonati di successo e in alcuni casi vincitori di premi (o comunque quasi sempre in nomination nei più importanti festival del nostro belpaese), mostre personali e collettive OVUNQUE, sia in Italia che in Francia! E con almeno 2 riconosciuti e ristampati cult: ENGASO 0.220 e KOREA 2145. Perchè sto parlando di lui? Perchè è un amico, sicuramente, ma prima di tutto perchè è uno dei più rispettabili autori di fumetti sulla piazza, e proprio non si meritava l'umiliazione subita in risposta alle sue prove per la nuova serie targata Bonelli: DRAGONERO, scritta da Luca Enoch, il quale dopo aver visionato le prove qui postate, ha risposto all'autore come si farebbe con un dilettante alle prime armi (e credo che questa cosa farà lo scalpore che merita), facendo il "maestrino" e -riassumendo-contestandogli anatomie, tratteggi, drappeggi, credibilità dei mostri... Dicendogli anche che deve ancora crescere e farsi le ossa per raggiungere un risultato professionale... Ora, le prove le avete anche voi sotto gli occhi, e fermo restando che ogni editor è libero di rifiutare o meno una proposta di collaborazione, vi pare un comportamento sensato da collega a collega? A me no! Fatemi sapere cosa ne pensate, ci tengo! Fatemi sapere cosa ne pensate, ci tengo!

9 commenti:

  1. Che genere di critiche sono state mosse?

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, avevo specificato poco, ora l'ho un po' rimpolpato, fammi sapere cosa ne pensi, ok?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Da quando hai pubblicato questo post, hai perso un follower fisso. xD

      Elimina
  3. La pagina con le donne non è sicuramente al livello delle altre, ma dire che "si deve fare le ossa" è una gaffe spaventosa :)

    RispondiElimina
  4. L'idea di "modernità", "stile", e "tecnica" degli editor di Sergio Bonelli, traspare da quello che circola in rete sulle due nuove testate in lavorazione: GLI ORFANI e, appunto, DRAGONERO... concept così vecchi e stantii che quasi si fa fatica a credere che non siano delle prese in giro.
    Enzo, però, sbaglia a proporsi alla Bonelli, o meglio: perde tempo prezioso che potrebbe utilizzare per i suoi rutilanti universi personali. Enzo è un autore, non un servo della gleba.

    RispondiElimina
  5. Le critiche, quando sono costruttive, sono ottime ad ogni livello...queste non sono critiche sono parole a caso di un incompetente. Che dica che lo stile non è bonelliano, che loro preferiscono automi che non si distinguono uno dall'altro e non veri artisti, questo possono dire! Se volessi leggere un bel fantasy lo vorrei fatto cosi!!

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Meno male c'è ancora gente che non si accoda ai vari miracoli italiani annunciati. Ovviamente mi riferisco alla pletora di lettori pronti ad inginocchiarsi davanti alle rockstar del momento, agli idoli pop della massa vociante e rumorosa. Ma la musica è un' altra cosa... bravo Enzo, riprovevole Enoch & co.

    RispondiElimina